RexPlants - Piante Carnivore Il forum delle piante che mangiano

Metodo di coltivazione Scorpio87

  • Posts
  • OFFLINE
    scorpio87
    Post: 1,170
    Registered in: 3/10/2010
    Location: ROBBIATE
    Age: 33
    Gender: Male
    Gran carnivoro
    10 12/19/2020 2:51 PM
    Temperature minime raggiunte: 9°C

    Temperature massime raggiunte: 35°C (e forse più)

    Substrato:
    -un primo strato di torba o fibra di cocco + perlite sul fondo per un terzo dell'altezza vaso;
    -sabbia di quarzo fine (marca Askoll Aurum) per il resto dell'altezza sino a bordo vaso
    -Sfagno vivo o disidratato a livello del colletto della pianta (opzionale)

    Luce:
    -nella bella stagione esposte a luce solare filtrata (ombreggiante e pannelli in policarbonato alveolare della serra)
    -nella stagione fredda sfrutto la luce di una finestra compensata da luce artificiale (lampade a luce bianca + lampade fitostimolanti)

    Livello idrico:
    -nella stagione calda saltuariamente acqua a metà vaso per pochi giorni e nebulizzazione periodica (dalle 6 alle 10 volte al giorno)
    -nella stagione fredda livello di ristagno minimo (meno di un centimetro di acqua), una nebulizzazione giornaliera, utilizzo di nebulizzatore ad ultrasuoni periodico diurno.

    Descrizione della coltivazione:

    Personalmente coltivo Heliamphora in due metodologie differenti in base al periodo dell'anno.
    Partendo dal presupposto che la prima difficolta riscontrata con queste piante è la gestione delle temperature alte, inizio a parlare del periodo piu difficile...

    -Nella bella stagione, fino a quando le temperature non scendono sotto i 10/15°C le coltivo in serra, la quale é composta da pannelli in poliuretano alveolare, attui ad isolare termicamente e soprattutto schermare e diffondere la luce solare.
    Inoltre vi posiziono sopra un telo ombreggiate sul tetto, ciò affinché le temperature interne non salgano troppo sotto il sole estivo.
    Un altro trucco che utilizzo per abbassare le temperature è l'utilizzo di un raffrescatore ad acqua, unito ad un nebulizzatore ad ultrasuoni; i quali assieme abbattono di qualche grado mantenendo comunque un ottimo livello di umidità atmosferica. (ecco un breve videosul loro funzionamento)
    I vasi sono posizionati dentro a delle vasche che ho scavato in terra profonde 20cm circa, in modo tale che i vasi rimangano sotto livello terra al fresco, per aiutare tale scopo ho riempito le vasche di sfagno vivo. (ecco una foto)
    Ultimo tocco per la gestione di queste piante, ma non certo la meno importante, è la nebulizzazione.
    Utilizzo un impianto fai da te, composto da una pompa che preleva acqua distillata da un bidone per ridistribuirla tramite ugelli della marca Geolia; il tutto gestito da un temporizzatore, che ne permette l'attivazione per un minuto dalle 6/10 volte al giorno (regolo il numero di volte in base alla stagione e quindi alle temperature).
    in questo modo gli ascidi rimangono sempre pieni di acqua, oltre idratati per il maggior tempo possibile.

    -Nel periodo invernale invece sposto tutto in una piccola Growroom (2m x 2m) di mia costruzione che sfrutta un lucernario posto sul tetto, unito a varie lampade a luce artificiale.
    Per comodità lascio sempre un mezzo centramento di acqua nel sottovaso; nebulizzo una, massimo due volte al giorno con acqua distillata, e mantengo un'umidità dell'aria attorno al 90% grazie ad un umidificatore ad ultrasuoni, riciclando l'aria interna due volte al giorno tramite una ventola che preleva aria dall'esterno immettendola all'interno.

    Considerazioni personali:

    Heliamphora è una pianta estremamente elegante, che richiama agli albori preistorici delle nostre amate carnivore, non per nulla le ritengo essere le piante che più mi affascinano!
    Purtroppo non sono certo tra le più facili da coltivare, viste le loro esigenze, ma con i giusti accorgimenti è possibile coltivarle con grandi, enormi soddisfazioni, anche per noi Italiani che non abbiamo certo il clima adatto.
    Heliamphora è una pianta che notoriamente soffre lunghi periodi di caldo, necessita di molta luce e di tanta acqua ma senza eccessivi ristagni.
    Bene, personalmente vi dico che il fattore calore può anche entrare in secondo piano:
    Questo è stato un anno particolarmente caldo in estate, nella serra ho registrato temperature che raggiunsero i 35°C per svariati giorni, nonostante gli accorgimenti presi per tenerla a bada, ma le piante non han mostrato alcun segno di sofferenza o rallentamento.
    A mio parere il segreto è "semplice", tutto sta nella nebulizzazione e nel mantenere l'apparato radicale fresco.
    Ecco perché utilizzo tale substrato, con il colletto e la parte superiore delle radici posizionati in sabbia di quarzo (un ottimo materiale isolate ed areante).
    La parte di materiale organica sul fondo invece, serve a dare parte del nutrimento necessario alla piante donandole più vigoria.
    Anche il posizionamento dei vaso sotto il livello del terreno aiutano tantissimo nel nostro scopo.
    Inoltre il terreno è rinfrescato dalle costanti nebulizzazioni, che irrorandolo portan via l'eventuale calore accumulato, ciò evita anche la necessità dei ristagni di acqua dando costante apporto idrico.
    La nebulizzazione, tra l'altro aiuta nella forse piu importante esigenza delle nostre amate: mantenere sempre gli ascidi colmi di acqua, caratteristica ESSENZIALE per Heliamphora, specialmente quando fa caldo.

    Per quanto riguarda i periodi dell'anno in cui l temperature non sono un problema, è sufficiente dare un alto apporto luminoso, senza ristagni di acqua e aria.



    Sperando tutto ciò possa venire utile, penso che ognuno possa cimentarsi nello sperimentare nuove tecniche coltivative anche in base alle proprie possibilità, cercando di accontentare queste loro richieste, con il mio augurio di riuscirvi ed ottenere risultati persino migliori dei miei!

    buona coltivazione a tutti

    Ps. per qualsiasi cosa poco chiara o che si voglia approfondire non esitate a scrivere qua sotto!

    Foto:

    Heliamphora tatei



    Heliamphora nutans, giant


    Heliamphora neblineae
    [Edited by scorpio87 1/6/2021 11:13 AM]
  • OFFLINE
    ZioLeo79
    Post: 4
    Registered in: 12/11/2020
    Location: ISEO
    Age: 42
    Gender: Male
    Membro Capensis
    00 12/28/2020 9:35 PM
    Xo non è valido mettere queste foto da bava!
    Ottimi tutti i consigli... regolerò l’automazione che domina i miei micro ambienti con i tuoi dati.
    A breve ne arriverà una vediamo come reagisce con led 4500k.
    Il nuovo anno mi porterà nuove barre con i famigerati CRI90 stiamo a vedere se valgono il prezzo che costano.
    Fitostimolanti esattamente cosa usi se posso chiedere?
  • OFFLINE
    scorpio87
    Post: 1,186
    Registered in: 3/10/2010
    Location: ROBBIATE
    Age: 33
    Gender: Male
    Gran carnivoro
    00 12/29/2020 9:17 AM
    Re:
    ZioLeo79, 28/12/2020 21:35:

    Xo non è valido mettere queste foto da bava!
    Ottimi tutti i consigli... regolerò l’automazione che domina i miei micro ambienti con i tuoi dati.
    A breve ne arriverà una vediamo come reagisce con led 4500k.
    Il nuovo anno mi porterà nuove barre con i famigerati CRI90 stiamo a vedere se valgono il prezzo che costano.
    Fitostimolanti esattamente cosa usi se posso chiedere?



    -Grazie,
    Utilizzo delle Lampadine da 40W marca RoHS, comprate su Amazon.
    Sfortunatamente non trovo più il link.