New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

Aiuto con sarracenia, drosera e cephalotus

Last Update: 6/22/2018 2:21 PM
6/22/2018 10:48 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2
Registered in: 6/22/2018
Location: CATANIA
Age: 28
Gender: Male
Membro Capensis
OFFLINE
Buongiorno a tutti!
Avrei bisogno di qualche consiglio. Coltivo da poco piante carnivore e per quanto mi sia documentata (anche su questo forum) credo che mi servano dei pareri più specifici per il mio caso. Le piante interessate sono una sarracenia leucophylla, una drosera alicae e un cephalotus: vado con ordine.

Sarracenia
Presi la pianta circa due mesi fa, con due ascidi maturi e uno nascente (adesso ne conta 4 maturi e uno in crescita). Per un mese circa niente di strano, tuttavia da un po' di tempo ho notato su ogni "bocca" tanti minuscoli insettiti di colore arancione quasi trasparente, ho pensato fossero tripidi (foto 1 e 2) e ho trattato la pianta con il Provato Plus circa una settimana fa, su alcuni ascidi la situazione sembra migliore ma su quello più giovane gli insetti sembrano villeggiare indisturbati. C'è da dire che non mi sembra che la pianta ne soffra granché, però non vorrei avere problemi in futuro. Che fare?
Altra cosa: 3 ascidi su 4 presentano il problema che mostro in foto (3), ho supposto fosse cercospora... mi dispiace per l'estetica ma sono più preoccupata che la pianta ne risenta.

Drosera
Mi sono accorta che il lato più esposto al sole presenta un colorito rossastra (foto 4) rispetto alla parte più all'ombra (foto 5), è normale? La colla è presente su entrambi i lati.

Cephalotus (foto 6, 7, 8)
Invoco il dono della sintesi sebbene sia quello che mi abbia (prevedibilmente) dato più problemi.
Preso a febbraio in un vivaio, me ne sono innamorata subito. Rinvasato ad aprile senza che all'apparenza ne abbia sofferto troppo, in fase di pulizia, aprendo per controllo un ascidio secco che avevo staccato mi accorgo di tracce di oidio. Corro ai ripari con pulizia con alcol nel frattempo che lo zolfo ordinato arrivi. Tratto con zolfo due volte a distanza di un mese resami conto che la muffa non era stata debellata completamente. Adesso la situazione sembra stabile da questo punto di vista, tuttavia mi sono accorta che la pianta sembra essere ferma, o meglio, i nuovi ascidi tendono a seccare prima di arrivare a maturazione, solo quelli che a febbraio erano piccoli sono arrivati a crescere e maturare (sebbene restino di colore verde). Più che altro mi preoccupa il veder seccare gli ascidi prima del tempo, anche se più che seccare dovrei dire rammollire e ingiallire (foto 9 e 10)... Teorie? Sono solo paranoie?

Grazie a tutti in anticipo e scusate il poema ma pensavo fosse utile un minimo di contestualizzazione.

6/22/2018 12:43 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 1,510
Registered in: 3/31/2015
Location: SIDERNO
Age: 23
Gender: Male
Amministratore
Trifide
OFFLINE
Dunque:

-Sarracenia: avevo anch'io in passato quegli insetti sul labbro dell'ascidio e non sono alto che collemboli (insettini innocui). Se li vuoi togliere, prendi un panno umido e pulisci.
Quella non è cercospora. Gli ascidi stanno semplicemente seccando (la leucophylla è una pianta a crescita autunnale e generalmente, in questo periodo inizia la decadenza degli ascidi primaverili).

- Drosera: è un pò bruciacchiata dal sole. Ombreggiala per un periodo e spostala poi gradualmente. Poca acqua,2-3cm, mi raccomando, rispetto alle altre drosere.

- Cephalotus: lo coltivo da poco e non ti posso essere di grande aiuto. Ti dico però che è una pianta molto molto abitudinaria, già solo il fatto di averla travasata e attaccato lo iodio l'ha mandata in crisi. Però l'opercolo degli ascidi è aperto, sintomo che per ora la pianta non ha grossi problemi, ma si sta solo acclimatando. Altra cosa: mai variazioni improvvise. Se è abituata in un modo e devi spostarla, girarla, più acqua, più sole, tutto gradualmente. Vuole comunque poca acqua (1-2cm e aspetti si asciughi tra un rabbocco e l'altro).
Frangar, non flectar
Dicheto idrindiliden dicheto idrindene

Volontario AIPC Dai una mano anche tu ;)
6/22/2018 1:35 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 3
Registered in: 6/22/2018
Location: CATANIA
Age: 28
Gender: Male
Membro Capensis
OFFLINE
Intanto grazie mille per la risposta [SM=x349151]
In particolare grazie per le delucidazioni sulla sarracenia (non toglierò gli insettini se non danno problemi), è dunque possibile che un ascidio possa seccare dopo appena qualche settimana in questo periodo? Perché le prime avvisaglie le colgo anche sull'ultimo ascidio maturo (con opercolo aperto da 10/14 giorni circa)
Con la drosera farò come mi consigli.
Il cephalotus non credo di averlo "maltrattato" troppo, ma forse è lo stress dovuto all'oidio. Faccio sempre asciugare il sottovaso prima di riempirlo con un po' d'acqua proprio per evitare ristagni e il verificarsi di un nuovo attacco.
Ad ogni modo, speriamo bene!
6/22/2018 2:02 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 1,511
Registered in: 3/31/2015
Location: SIDERNO
Age: 23
Gender: Male
Amministratore
Trifide
OFFLINE
Per la Sarracenia succede, soprattutto se sono piante che vanno in simil stasi in estate. Aumenta un pò il livello idrico.
Frangar, non flectar
Dicheto idrindiliden dicheto idrindene

Volontario AIPC Dai una mano anche tu ;)
6/22/2018 2:21 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 5
Registered in: 6/22/2018
Location: CATANIA
Age: 28
Gender: Male
Membro Capensis
OFFLINE
Lo farò. Grazie ancora [SM=x349151]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:39 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com